ALBERGHI E STRUTTURE

Hotel Verona

Hotel Verona

Hotel in centro, vicino al Parco pubblico

More...
Albergo Ristorante Capannina

Albergo Ristorante Capannina

Albergo vicino alle Terme, cucina con specialità locali

More...
Altri Alberghi e Strutture ricettive

Altri Alberghi e Strutture ricettive

Albeghi, Appartamenti, Camere, Ristoranti, Pizzerie etc.

More...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.
  • MAPPE
  • FOTO
  • VIDEO
  MAPPE

Scarica e consulta le nostre mappe del territorio di Recoaro

Consulta tutte le mappe >
  FOTO

Guarda le foto di Recoaro Terme

Consulta tutte le foto >
  VIDEO

Consulta i nostri video del territorio di Recoaro

Guarda i video sul territorio >

Parco la Favorita - Valdagno


"LA FAVORITA"

Parco La Favorita - viale accessoIl parco della Favorita a Valdagno è un giardino monumentale straordinario e prezioso, un vero polmone verde che è stato ideato dal conte Gaetano  Marzotto e realizzato  apartire dagli anni 30 a ridosso della "Città Sociale" da F. Bonfanti. Doveva contenere una villa (mai completata), fontane, serre e un'azienda agricola. Passato all'amministrazione comunale rappresenta oggi, uno spazio pubblico per la Città unico per diversi e qualificati usi legati al tempo libero e alla cultura.

 


Progetto originale mappa - Parco la Favorita - Valdagno

Benvenuti.
Il parco della Favorita rappresenta per la città di Valdagno un'opera strategica: un giardino monumentale straordinario e prezioso, un vero polmone verde che aumenterà ancora la qualità della vita della città, uno spazio pubblico unico per diversi e qualificati usi legati al tempo libero e alla cultura.
Ma il parco della Favorita rappresenta anche un' occasione di sviluppo. È infatti un pezzo unico e affascinante, un 'eccellenza potenzialmente in grado di attrarre per le sue qualità. Sarà una scommessa per Valdagno trovare le modalità migliori per sfruttarne tutte le potenzialità e per renderlo non solo un fiore all'occhiello, ma anche un 'occasione di crescita.
La Favorita è dunque un altro tassello della nuova Valdagno che sta piano piano sorgendo: una città con un volto cambiato e più moderno e una visione chiara del suo futuro, sempre più orientata ali 'eccellenza nei servizi, nei saperi, negli spazi urbani, nella qualità del vivere.

IL SINDACO

Alberto Neri

 

 

Com'era il parco fino al 2000 - Parco la Favorita - Valdagno
Il complesso della Favorita venne concepito sul finire degli anni venti del secolo scorso e venne affidato dal conte Gaetano Marzotto allo studio Bonfanti-Zardini. Si voleva creare uno spazio nel quale trovassero posto armonicamente, oltre ad una grande villa e ad un parco prestigioso, anche importanti pertinenze quali una portineria con ingresso imponente, delle serre, una spettacolare fontana, un frutteto ed un'azienda agricola.
L'area venne scelta a ridosso della "città sociale", venne anzi posta in dialogo con questa tramite l'allineamento del proprio asse con via Vittorio E-manuele Marzotto, con le due piazze e, sullo sfondo, con il ponte sull'Agno. Il complesso della Favorita doveva esprimere "un mondo che rappresentava il sogno e I ' utopia della dimora ideale di un grande personaggio" (Antonio Fabris in "Alberi secolari, parchi e giardini nella Valle dell'Agno", 1996).
I lavori cominciarono all'inizio degli anni trenta ma venne completato solo l'impianto del parco e delle pertinenze. L'edificio rimase incompiuto e fermo alle sole fondamenta. Attorno al 1930 iniziò anche l'attività dell'azienda agricola "La Favorita", con allevamenti, vendita di latte, di ortaggi e di fiori coltivati nelle serre. Poi venne la guerra. Negli anni successivi la cura del parco e il governo dell'azienda agricola continuò, pur con alterne vicende, fino a pochi anni or sono. Poi serre, fontana e altre adiacenze vennero progressivamente lasciate senza una cura continuativa.
II complesso rimase di proprietà della famiglia Marzotto.
In previsione del passaggio alla proprietà comunale, dal 1998 iniziarono studi e progetti. Relativamente al patrimonio arboreo ed arbustivo, il lavoro venne svolto dal dottore forestale Giorgio Cocco, che redasse un completo rilievo topografico, un rilievo della vegetazione, una schedatura di tutti gli individui arborei, una loro valutazione dello stato di salute e che successivamente stese pure un progetto di restauro conservativo della vegetazione e un progetto di manutenzione straordinaria dell'esistente. Buona parte di questi interventi nel parco sono stati completati. Dal 2005 questi lavori sono stati effettuati dalla coop. Il Cerchio.

L'assetto del parco e del patrimonio arboreo, come si presentano oggi al visitatore, rispecchiano abbastanza fedelmente l'impianto originario e l'idea dei progettisti. Rimase inattuata solo una porzione di stampo formale (all'italiana) che doveva essere disposta sui piani rialzati delle gradinate.
Ai lati dell'ingresso monumentale, i confini verso la città sono disegnati da due lunghi viali: al centro con Ippocastani, ai lati con Tigli. Ortogonale a questo è il filare di Cedri che conducono l'asse verso la città e l'oltre Agno. Varcata la soglia, si risalgono i tre gradoni e si arriva al grande piano rialzato al centro del quale sta il vecchio basamento dell 'edificio racchiuso ai lati da due grandi ali boscate. Sull'orlo sinistro delle balaustre venne posto un leone di S. Marco. Fontana e serre, invece, sono sui confini meridionali. L'insieme, soprattutto per i gradoni terrazzati, esprime un certo richiamo ad una concezione barocco-sfarzosa che si ritrova in certi giardini pensili di Roma.
Scalinata principale - Parco la Favorita - Valdagno
Il censimento effettuato nel 1998-99 da Giorgio Cocco ha portato a catalogare una cinquantina di specie arboree diverse. Già una prima occhiata fa intravedere come il tessuto del parco sia organizzato su alcune specie dominanti e su altre con ruolo accessorio. Cedri dell 'Himalaia, Cedri dell 'Atlante, Magnolie e Faggi formano le masse verdi principali; Platani, Ippocastani e Tigli, spesso allineati, ne rendono evidente il disegno. A loro s'attorniano tutte le altre specie, messe a dimora in modo solo apparentemente casuale. Si tratta di specie frequenti e tipiche dei giardini, senza la presenza di vere e proprie rarità. Una menzione particolare la merita però l'individuo di Sequoia gigante (vedi nota a parte) posta nell 'angolo sud-ovest.

 

 

"LA FAVORITA" dei grandi alberi


Cedro dell'Himalaia - Parco la Favorita - Valdagno

Cedro dell'Himalaia (Cedrus deodara)
Conifera con foglie sempreverdi riunite a ciuffetti (ciascuno formato da più
di cinque aghi). Introdotta in Europa solo nel 1822, ebbe subito grande fortuna e divenne rapidamente uno degli alberi più frequenti nei giardini. Non va confusa con il vero Cedro del Libano (aghetti più corti e rigidi, portamento
l adulto a candelabro), una specie molto nominata ma raramente presente nei giardini. E' presente alla Favorita con oltre 20 esemplari, molti dei quali hanno raggiunto dimensioni monumentali.

NB. Alla Favorita è presente con notevoli esemplari anche l'affine Cedro dell 'Atlante nella sua varietà glauca (ovvero argentata)

Faggio (Fagus sylvatica)
Latifoglia non-sempreverde, con foglie ovali oppure ovali-lanceolate, margine ondulato e talora cigliato, disposte in modo alterno sul rametto. Il frutto, ricoperto da una cupola irta di aculei, è la "faggiola". E' il tipico albero delle Prealpi Venete, nelle quali forma boschi tra gli 800 ed i 1600 metri. E' talora usato anche nei giardini, soprattutto dove clima e suolo lo consentono, per gli interessanti cromatismi che assumono le sue foglie nelle diverse stagioni. E' presente alla Favorita con oltre quindici esemplari, mediamente di dimensioni ragguardevoli e spettacolari, quasi tutti nella varietà purpurea.
Faggio - Parco la Favorita - Valdagno
Sequoia Gigante - Parco la Favorita - Valdagno

Sequoia gigante (Sequioadendron giganteum)

Conifera con foglie sempreverdi che posseggono una forma più simile a lunghe squame che ad aghetti. La pigna è ovoidale (3-4 cm), molto caratteristica e facilmente distinguibile dalle pigne di Abeti o Pini. Anche la chioma, compatta e slanciata verso l'alto, ha un proprio portamento caratteristico. E' pianta originaria dei monti del Nord America (soprattutto California), importata in Europa attorno al 1830. Ciò ci fa dedurre che queste Sequoie dei giardini europei non possono avere oltre 150-180 anni e quindi non possono aver ancora raggiunto quelle dimensioni tipiche dei giganti nord-americani. Alla Favorita è presente un solo e-semplare (angolo di sud-ovest), con dimensioni già ragguar-devoli data la modesta età (circa 70-80 anni).

Tasso (Taxus baccata)
Conifera con aghetti verdi schiacciati inseriti ad uno ad uno nei rametti (anch'essi di colore verde). E' una delle poche specie vegetali divisa in individui maschili ed individui femminili (sono quelli che in autunno recano il vistoso "frutto" rosso - attenzione, il suo nocciolo è velenoso). E' spontanea nei valloni ombrosi delle nostre Prealpi. Largamente coltivata nei giardini, spesso anche ivi inselvatichita, per la sua versatilità (talora usata anche per siepi e labirinti). Alla Favorita è presente con oltre una decina di esemplari.
Tasso - Parco la Favorita - Valdagno

 

 

Mappa del Parco la Favorita - Valdagno

 

LEGENDA

1 Tassi 10 Cedro atlantico var. glabra
2 Faggi 11 Cedro himalaiano
3 Paulonie 12 Tigli
4 Platani 13 Querce fastigiate
5 Criptomeria 14 Ippocastani
6 Sequoia 15 Acero riccio e montano
7 Pini neri 16 Magnolie
8 Ginkgo 17 Carpini bianchi
9 Pino himalaiano 18 Leccio

 

Il grande prato del parco  la Favorita - Valdagno

Il grande prato del parco la Favorita - Valdagno
(Foto: Urbani Francesco)


Parco la Favorita - nel 150° unità d'Italia - Valdagno

Parco la Favorita - nel 150° unità d'Italia - Valdagno

Parco la Favorita - nel 150° unità d'Italia - Valdagno

Parco la Favorita - di notte, nel 150° unità d'Italia - Valdagno
(Foto: Urbani Francesco)


Guarda le altre immagini del Parco

Parco La FA...
Parco La FAVORITA Parco La FAVORITA
INFORMAZIONI
Orario: Sempre visibile (chiuso di notte)

Ingresso: gratuito

Parcheggio auto: Sì posti: 50 circa (altri parcheggi nelle vicinanze)

Distanza: da Recoaro Terme 9,7Km

Per raggiungere il "Parco della Favorita" da Recoaro Terme consigliamo il percorso SP246 (distanza 9,7 Km tempo percorrenza in auto circa 14 minuti)

(Visualizzazione ingrandita della mappa)